Cos’è l’industria 4.0 e come impatta la produzione industriale?

La quarta rivoluzione industriale: transitare dall’industria 3.0 a 4.0

La terza rivoluzione industriale è cominciata verso la fine del ventesimo secolo e fu contrassegnata dall’introduzione dei computer e dell’automazione. Con l’evoluzione di internet, la quarta rivoluzione industriale è in arrivo e tratta principalmente dispositivi intelligenti e connessi. I device utilizzati durante la terza rivoluzione industriale sono stati migliorati, resi più intelligenti e soprattutto: sono interconnessi, scambiano dati e suggeriscono miglioramenti. Questo indica che la differenza fondamentale tra l’industria 3.0 e 4.0 è l’utilizzo del dato e l’intelligenza artificiale.

Come l’industria 4.0 impatta positivamente la produzione industriale e l’utilizzo dell’energia

Il primo impatto dell’industria 4.0 rivelerà che la comprensione dei dati accellera i miglioramenti nell’efficienza energetica. L’utilizzo energetico verrà ottimizzato risultando in un maggiore risparmio dei costi e ciò assicurerà la continuità del business. Misurare e condividere i dati su larga scala si tradurrà anche in un migliore benchmarking delle prestazioni per le industrie, dato che più dati diventeranno disponibili, spingendo le fabbriche verso un miglioramento continuo.

Le sfide del passaggio all’industria 4.0

Sia che stiate già implementando l’Industria 4.0 o che stiate studiando gli ultimi sviluppi, possono sorgere nuove sfide. Ecco sei sfide comuni che molte fabbriche si troveranno ad affrontare:

  • Collegare diversi dispositivi e raccogliere dati può essere una sfida, poiché avrete bisogno di un modello di dati unificato (o data warehouse) in modo che vari tipi di dati possano essere memorizzati e scambiati.
  • A seconda della soluzione, l’hardware può risultare difficile da installare o può richiedere grandi investimenti iniziali.
  • La sicurezza dei dati sarà prioritaria per garantire che i dati della vostra azienda e dei vostri dipendenti siano al sicuro. Quando tutti i dispositivi sono collegati ad una rete, la privacy e la sicurezza informatica diventeranno ancora più importanti.
  • I dati ricevuti dai dispositivi potrebbero essere difficili da analizzare, quindi potrebbe essere necessario assumere un consulente energetico per aiutarvi a valutare e decidere le giuste azioni da effettuare.
  • Potreste aver bisogno di iniziare a cercare personale più tecnico e focalizzato sulle tecnologie o potreste aver bisogno di formare i vostri dipendenti sulle nuove tecnologie.
  • Poiché l’innovazione tecnologica a volte supera le politiche ed i regolamenti, potreste dovervi conformare alla legislazione in modo retroattivo.

Anche se l’implementazione di Industria 4.0 potrebbe essere impegnativa all’inizio, pensiamo che i vantaggi valgano le sfide. Ci aspettiamo anche un incremento nella differenza tra le fabbriche che hanno già implementato l’Industria 4.0 e quelle in ritardo.

Come l’Industria 4.0 vi aiuterà con l’efficienza energetica

L’efficienza energetica è una componente fondamentale dell’Industria 4.0. Le fabbriche passeranno al “pensiero di sistema” invece di concentrarsi su reparti separati che funzionavano in modo isolato. I vari sistemi saranno ora collegati ed i processi tra i reparti dovranno essere allineati.

Con l’aiuto di sensori e del giusto software, l’uso dell’energia può essere misurato e migliorato. I sistemi intelligenti mostrano dati in tempo reale e possono anche suggerire miglioramenti, come abbassare o eliminare il consumo di energia in standby. Un algoritmo intelligente garantirà la continuità inviando avvisi in caso di sospette perdite o intasamenti e può portare suggerimenti per l’ottimizzazione del processo. Nel complesso, l’Industria 4.0 accelererà l’ottimizzazione dei processi, la riduzione del consumo energetico ed il miglioramento delle prestazioni delle fabbriche.

Se sei interessato a come poter iniziare con il monitoraggio intelligente dell’energia per migliorare l’efficienza energetica della tua azienda senza grandi investimenti iniziali, scarica il nostro whitepaper:

Scritto da

Annick Sprokkereef

Marketing Assistant